ABBATTERE UN ALBERO DI PROPRIETA’ PRIVATA NEL COMUNE DI ROMA

La prima cosa da fare è capire se la pianta debba essere oggettivamente abbattuta.

Tale accertamento può essere fatto da un tecnico abilitato, Dottore forestale o agronomo, mediante analisi visiva della pianta (VTA – Visual Tree Assessment) e se necessario approfondita con analisi strumentale.

Accertata la necessità di abbattere l’albero, occorre sapere che seppur di proprietà privata, gli alberi sono un bene comune e in quanto tali spesso tutelati.

Nelle aree site a l’interno del territorio del Comune di Roma prima di procedere a l’abbattimento di un albero occorre sapere se:

  1. l’albero è in area sottoposta a Vincolo Paesaggistico;
  2. l’albero non è in area sottoposta a Vincolo Paesaggistico.

Per sapere se la pianta è in area vincolata, occorre consultare la Tavola B del P.T.P.R .(Piano Territoriale Paesistico Regionale) presso il sito http://www.regione.lazio.it/PTPR/PTPRB

Tale verifica può essere fatta personalmente o può essere richiesta ad un professionista.

 

Di seguito le procedure da seguire nei due casi suddetti:

  1. l’albero è in area sottoposta a Vincolo Paesaggistico

Per l’abbattimento di un’alberatura ubicata in area sottoposta a Vincolo ai sensi art. 134C – 136 e 142 D.Lgs. 42/04, in osservanza all’art. 146 dello stesso Decreto, occorre richiedere preventiva autorizzazione paesaggistica. Tale richiesta va presentata a Roma Capitale – Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde – Protezione Civile – U.O. Verde Pubblico e Decoro Urbano – Ufficio Protocollo, Piazza di Porta Metronia 2 00183 Roma, allegando in duplice copia la documentazione richiesta e la ricevuta di versamento di Euro 200 ( ai sensi Del. C. C. n° 68/2010). N.B. A fronte di alberature oggettivamente pericolanti ( Classe D F.R.C. ), il pagamento può essere effettuato anche dopo il rilascio dell’autorizzazione e comunque entro il termine di 30 giorni” (Comune di Roma).

La richiesta di autorizzazione a l’abbattimento di uno o più alberi, va corredata di adeguata Perizia Tecnica a firma di un tecnico abilitato, Dott. Forestale o Agronomo iscritto all’Ordine degli Agronomi e Forestali.

E’ possibile scaricare i moduli presso il sito: http://www.comune.roma.it/wps/portal/pcr?contentId=NEW165382&jp_pagecode=newsview.wp&ahew=contentId:jp_pagecode

2. l’albero non è in area sottoposta a Vincolo Paesaggistico.

“In attesa dell’adozione del Regolamento del Verde e fermi rimanendo ovviamente diritti di terzi, nonché prescrizioni, tutele e disposizioni di diversa natura e competenza ( in particolare le NTA nuovo PRG DCC n°188 – Atti d’Obbligo – prescrizioni originario Permesso di Costruire – nonché R.C. Tutela Animali D.C.C. n° 275/05) nel territorio di Roma Capitale le aree NON sottoposte a Vincolo Paesaggistico ai sensi D.Lgs. 42/04 possono essere liberamente abbattute” (Comune di Roma).

N.B.: A seguito del D.P.R. 31 /17 del 13 febbraio 2017, entrato in vigore dal 06 aprile 2017 “Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall’autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata” sono state introdotte alcune novità circa l’iter autorizzativo per l’abbattimento di alberi sottoposti a vincolo paesaggistico.

Per informazioni o chiarimenti contattataci!

 

 

Posted in Tutti, Uncategorised and tagged , , .

6 Comments

  1. per abbattere un pino alto 20 metri nell’ambito di un condominio privato ,occorre che i condomini votino all’unanimità?grazie,luisa.

    • Gentile Luisa,
      grazie per averci contattato e scusi il ritardo nel rispondere. Qualora sia accertato, ad es. da un Dott. Agr. o Forestale, che la pianta sia un pericolo per persone e cose, può essere abbattuta anche in assenza della maggioranza. Si evidenzia che in presenza di vincoli vanno richieste le necessarie autorizzazioni.
      Nel caso invece in cui non ci sia vincolo e la pianta non rappresenti un pericolo, l’albero può essere abbattuto se durante l’assemblea condominiale, in seconda convocazione, è presente almeno un terzo dei condomini e un terzo dei millesimi, al fine di rendere valida l’assemblea. Per procedere con l’abbattimento poi occorre la maggioranza di tale assemblea. La votazione è valida se la maggioranza degli intervenuti rappresenta almeno un terzo del valore dell’edificio espresso in millesimi.
      Per qualsiasi ulteriore dubbio o consulenza non esiti a contattarci anche telefonicamente.

      Saluti

      Michele

  2. Devo abbattere un abete argentato di circa 10 mt in casa privata con giardino perchè sta sollevando la pavimentazione esterna e sollevando il muro di cinta, ho letto che devo effettuare un versamento di 200 euro al comune di Roma oltre perizie e documenti vari, possibile che solo l’autorizzazione costa un patrimonio? Ma mi tagliano anche l’albero?

    • Buonasera Cristina,
      purtroppo per lei non è compreso anche il taglio dell’albero, ma solo il costo per l’istruttoria.
      In ogni caso, dovrebbe pagare 200 euro al Comune di Roma, SOLO se l’area è sottoposta a vincolo paesaggistico. Se non c’è vincolo paesaggistico potrà procedere direttamente con l’abbattimento, nel rispetto di quanto meglio indicato nel nostro articolo “abbatere un albero nel comune di roma

      Non esiti a contattarci alla mail alberosano@gmail.com o telefonandoci ai contatti presenti nella pagina contatti per maggiori informazioni.

      Buona serata

      Michele

  3. Nel mio giardino ho un abete(albero natale)alto 20 m.t. che da problemi ai piani superiori togliendo visibilità luce e aria. Sono obbligato ad abbatterlo ?Inoltre se fosse necessario ci vuole autorizzazione comunale e del condominio? Grazie
    Giuseppe

    • Buongiorno Giuseppe,
      l’obbligo o meno di abbattere l’albero è un tema piuttosto complesso nei condomini e di non facile soluzione. Innanzitutto le converrebbe chiedere un parere al suo Amministratore di Condominio e capire se ci sono specifiche nel regolamento di condominio.
      Per quanto riguarda l’autorizzazione all’abbattimento occorre verificare la presenza del vincolo. Se necessario può contattarci per fornirle un’idea dei costi.
      saluti
      Michele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *